Approfondimenti

Cura dei denti da latte

By 21 gennaio 2019 No Comments
Cura_denti-da-latte-612x320

I denti decidui da latte bisognosi di otturazione devono essere trattati come i denti permanenti. Luogo comune da sfatare è la falsa credenza secondo cui i denti da latte cariati non si debbano curare perché destinati alla caduta.
Anzi, la patologia ha un’evoluzione particolarmente rapida, in virtù della scarsità di smalto a difesa del dente da latte. Ciò comporta che, dal momento in cui il dente si ammala a quello in cui ne viene coinvolta la polpa (ovvero il nervo), il tempo sia veramente poco.

Il mantenimento della salute dei denti da latte è il presupposto fondamentale per la corretta eruzione dei futuri denti permanenti. Inoltre, va sempre ricordato che i denti da latte cariati fanno male, come i denti degli adulti, e, dunque, questa esperienza dolorosa, va assolutamente prevenuta al bambino.
Ne consegue l’importanza di intervenire con molta tempestività.
Talvolta le carie iniziali compaiono con una riga più chiara verso il colletto (la base) del dente: è una prima avvisaglia della demineralizzazione che si sta realizzando sul dente, e, per questo, il dentista pediatrico deve essere coinvolto quanto prima.
Le cure odontoiatriche sono le stesse previste per i denti permanenti: i denti cariati devono essere otturati o finanche devitalizzati nel caso in cui la patologia sia molto profonda.

Laddove l’otturazione non fosse sufficiente per curare una carie che si è spinta oltre la dentina, invadendo la polpa del dente, è necessario intervenire con metodi più drastici: estrarre il dente da latte cariato può talvolta costituire l’unica soluzione pensabile.

Per prevenire l’insorgenza di carie nei denti decidui uno strumento molto utile sono le sigillature che provvedono a “sigillare”, appunto, il dente da latte per evitare che venga attaccato dai batteri.
In definitiva, per il benessere del bambino e per tutelare il corretto sviluppo della dentizione definitiva è molto importante prevenire, con le sigillature e con estrema attenzione all’alimentazione e all’igiene dentale e, qualora i batteri si siano già fatti strada attraverso lo smalto, intervenire prima possibile con la cura odontoiatrica più indicata.