Approfondimenti

Utili o dannosi? La battaglia dei vaccini che sta dividendo giudici e pediatri

By 17 Maggio 2018 21 Marzo, 2019 No Comments
La battaglia dei vaccini che sta dividendo giudici e pediatri

Utili o dannosi? La battaglia dei vaccini che sta dividendo giudici e pediatri

Effetti collaterali sui bimbi, primi risarcimenti decisi dai tribunali. Il ministero della Salute li difende: ci opporremo in giudizio. Le famiglie: diteci cosa fare

ROMA – Due sentenze di tribunale, in primavera e in estate inoltrata, hanno scosso il mondo della pediatria: c’è una relazione tra i vaccini obbligatori, somministrati ai nostri figli, e l’autismo. Lo hanno detto due giudici, a Rimini e a Torino, e nel secondo caso la Corte d’appello ha deciso un risarcimento da primato: 1,8 miliardi.

Il maxi risarcimento è stato ammesso per una ragazza di 29 anni da ventiquattro in coma vegetativo dopo una vaccinazione obbligatoria (antidifterica-tetanica) fatta da bambina. Qui c’era l’aggravante: l’appello ha riconosciuto l’errore di un medico che si era rifiutato di dare un cortisone alle prime manifestazioni di crisi.

Queste sentenze, basate su perizie di clinici specialisti e medici legali, sono diventate fonte di preoccupazione per le famiglie. “Con ragionevole probabilità scientifica”, si legge nelle motivazioni del Tribunale di Rimini, “la malattia è correlata alla somministrazione del trivalente presso la Asl di Riccione”. Un’associazione di consumatori come il Codacons ha chiesto di abolire “i vaccini inutili, risparmieremmo 114 milioni”. Gruppi assicurativi hanno fatto marketing spinto sui casi diventati pubblici: “Autismo da vaccino”, dice una pubblicità, “i giudici lo riconoscono dal 2009, hai diritto a una pensione a vita”

REPUBBLICA